Pages Menu
Categories Menu

ZAMBIA

Richard è giovane, ma è già uomo. Da sempre ha lavorato la terra con la zappa e grazie al 5xmille allo SVI ha potuto frequentare un corso e imparare il mestiere di vivaista. Da qualche anno mette regolarmente a dimora più di 20,000 piantine fra frutti tropicali, agrumi, pini, eucalipti, erbe medicali e diverse specie di piante azoto-fissanti. Con l’impegno, proprio di chi conosce la fatica, ha costruito una bella casa di mattoni di argilla e il tetto in lamiera, ha comprato un mulino a martelli per trasformare il mais in farina per la polenta. Ora tutti e 5 i suoi figli vanno a scuola e insieme alla moglie ha aperto un conto bancario per metterci i risparmi della famiglia. Questa è solo una delle belle storie che ci fanno sentire bene.

 

UGANDA

Oscar è risultato il miglior studente della Komolicher Primary School, ottenendo così una borsa di studio che gli permetterà dicontinuare ad andare a scuola. Grazie ai fondi del 5xmille lo SVI ha potuto donare alla scuola di Oscar un mulino per macinare il mais e il sorgo e con i proventi raccolti dalla macinazione, l’istituto scolastico ha potuto premiare lo studente più meritevole. Oscar che viene da una famiglia molto povera, ma si impegna molto, ogni giorno, per ottenere i migliori risultati, potrà proseguire con gioia i suoi studi.

 

 

BRASILE

Il  5xmille allo SVI sostiene anche la scuola agricola ECRAMA, in Brasile, nel Parà. Ecco cosa dicono gli alunni di questa scuola:

“La scuola mi ha mostrato una visione diversa rispetto a quella che è l`agricoltura familiare. La priorità della scuola è insegnare la sostenibilità per la propria famiglia e poi, a partire da questo, la commercializzazione dei propri prodotti”

“La scuola ECRAMA è stata per me un´evoluzione. Abbiamo appreso che non esiste terra cattiva, ma abbiamo invece imparato come usarla, come lavorarla per renderla produttiva…insomma abbiamo imparato a dare valore alla terra”

“Durante la scuola ci sono poi corsi sulla cittadinanza, sull´importanza di lavorare insieme, di mantenersi in relazione con le altre istituzioni, con l´università, con Il municipio. La scuola ha cambiato la vita di noi ragazzi, Il nostro modo di parlare, di esprimerci, e quando è finito iI corso avevamo tutti un nuovo modo di pensare”.

“Le conoscenze dei nostri padri erano diverse. Tutte le pratiche che abbiamo appreso qui, ad esempio a  lavorare con Il compost organico, l´omeopatia, la biomassa, se io mi limitassi a parlarne non avrebbe nessun effetto. Per questo ho portato queste pratiche nella mia casa, al mio paese e ora alcuni vicini cominciano a crederci e a metterle in pratica”.